Chi è lo psicoanalista?

psicoterapeuta roma

Cos’è la psicoanalisi? E chi è lo psicoanalista?

La scorsa settimana ho parlato della psicoanalisi e dei suoi limiti. Limiti riconosciuti anche da psicoanalisti stessi, come Umberto Galimberti che, recentemente intervistato da Rai News, ha parlato della crisi di questo modello (quantomeno nelle sue declinazioni più ortodosse).

Ma chi è lo psicoanalista?
E cosa fa?

Nelle pagine di Psicoesperti dedico un intero capitolo all’argomento, perché c’è ancora molta confusione.

Prima di tutto, però, permettetemi di dire una cosa che mi sta a cuore: si dice psicoanalisi o psicanalisi?
La prima: psicoanalisi.
Io non amo la psicoanalisi né l’approccio terapeutico che ne deriva, ma vedere usare anche da alcuni colleghi (persino da degli psicoanalisti!) il secondo termine mi fa rabbrividire. Psicanalisi, senza la “o”, è un’accezione utilizzata a volte per parlare dell’approccio di Lacan, psicoanalista francese. Ma solo di quell’approccio. Se parliamo in generale, diciamo psicoanalisi.
Capisco la fretta dei tempi moderni, ma non mi pare una giustificazione sufficiente per esiliare una vocale.

Detto ciò… cos’è la psicoanalisi?

La psicoanalisi è una teoria della mente e dell’inconscio da cui deriva una forma di psicoterapia.

Questa è la definizione iniziale che presento nel capitolo del mio libro.
Per aggiungere qualcosa, potremmo dire che esistono circa cinquecento approcci di psicoterapia riconosciuti al mondo: la psicoanalisi è uno di questi.

In Psicoesperti però sollevo una domanda che si saranno posti in molti. Vi ricopio qui quei passaggi:

«Ma perché con cinquecento approcci diversi ho sentito parlare quasi solo della psicoanalisi?»
Perché il suo inventore, Sigmund Freud, era un genio.
Ha avuto il merito di creare una tecnica di cura del tutto innovativa per l’epoca (parliamo di inizi Novecento).
Soprattutto, però, la psicoanalisi si è da subito interessata all’esplorazione dell’inconscio, fornendo spiegazioni teoriche del comportamento umano affascinanti e intriganti.
Quest’aspetto fu il più chiacchierato e studiato in tutti i salotti culturali e scientifici del Novecento, creando
una potente cassa di risonanza attorno a ogni passo fatto dagli psicoanalisti, che influenzò la cultura moderna
e contemporanea

La psicoanalisi, quindi, basa ampiamente il suo intervento sull’analisi dell’inconscio e sull’interpretazione di rappresentazioni mentali e comportamenti del paziente. Ancora una volta, benché io non sia uno psicoanalista e, anzi, utilizzi un approccio per certi versi diametralmente opposto (dopo aver verificato che quello psicoanalitico non è tra i più efficaci ed efficienti), c’è comunque da dire che ad oggi esistono tante “psicoanalisi”, alcune più al passo con i tempi e con le necessità odierne, distanziatesi anche radicalmente da molte concezioni ortodosse di Freud e dei suoi seguaci…

Vista l’enorme mole di approcci terapeutici differenti, in Psicoesperti non neanche minimamente pensato di spiegarli ed elencarli tutti, né di fare una sintesi: ho preferito invece dare delle nozioni-guida che permettano di avere degli strumenti in più per valutare i vari approcci psic-.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...